Recanati rende omaggio a Magdalo Mussio

A dieci anni dalla sua morte, Recanati rende omaggio a Magdalo Mussio, uno degli interpreti più incisivi della neoavanguardia, con la retrospettiva "Marginalia" presso Villa Colloredo Mels in collaborazione con il Centro di Documentazione della Ricerca Artistica Contemporanea Luigi Di Sarro di Roma e l'Associazione recanatese Spazio Cultura (fino al 30 novembre).

Nato a Firenze ma marchigiano d'adozione, fu esponente della "Nuova Scrittura". Tipici delle sue opere sono riporti e collages, grandi titolazioni accompagnate da testi scritti architettonicamente composti. Mussio eliminò l'immagine, il "soggetto come unità sostanziale", esprimendosi prevalentemente attraverso la scrittura, unico mezzo possibile di descrizione in un universo caotico ed incerto. Nell'introduzione al catalogo-monografia che accompagna la mostra (Quodlibet) scrive Paola Bellesi che "dallo stadio preconcettuale della conoscenza prende le mosse la ricerca di Magdalo Mussio da sempre attratto dall'humus fecondo in cui le parole sfumano in immagini e le immagini in parole, con un doppio movimento affidato al libero gioco di prospettive e scivolamenti dove percezione e rappresentazione si scambiano i ruoli per tentare di raccogliere segni in gestazione e significati sul nascere".

Magdalo Mussio è stato uno dei principali esponenti dell'arte verbovisuale nella tipica fusione di poesia, pittura, musica e arte tipografica. Ha tenuto importanti esposizioni a New York, Tokyo, Montreal, Sidney, Parigi, Milano, Roma e Genova. I suoi “poemi visivi”, come li chiama Gillo Dorfles, sono stati esposti al Finch Museum di New York (“Italian Visual Poetry”), al Centre Pompidou di Parigi (“Identitè Italienne: l'Art en Italie depuis 1959”) e in altre prestigiose gallerie italiane.
A Recanati sono esposti volumi rari, libri d'artista e manifesti e proiettati film d'animazione come "Il potere del drago" (1971),"Il reale dissoluto" (1872), "Umanomeno" (1973), oltre ad una videointervista del 1986, "Detto tra noi". Un'intera sezione è dedicata poi all'attività editoriale: Mussio diresse infatti le originali e raffinate edizioni della Nuova Foglio di Pollenza.

Questi i libri d'artista e i cataloghi (anche collettivi) disponibili presso il nostro studio:

- Oggetto poetico. 7 settimane (1970)

- Interscrizioni: parola e immagine (1985)

- Segnoepoesia (1987)

- Il corpo certo o il luogo di una perdita (1975)

- Scritture (1977)

- Il numero dimenticato (1988)

- Liber. Pratica Internazionale del Libro d'Artista (1980)

News

Notizie dal mondo dell'arte, della fotografia, della letteratura, dell'architettura e del design, dei libri illustrati, d'artista, di pregio, rari e di svago...

Archivio Articoli