Rif: 234167

PRAMPOLINI, Enrico (Modena, 1894 - Roma, 1956)Prampolini

Venezia,  Galleria del Cavallino 1968

Depliant della mostra alla Galleria del Cavallino, Venezia, 28 Febraio - 13  Marzo 1968. Testo su due pagine di Filiberto Menna. Quattro illustrazione in bianco e nero. Nota biografica con fotografia dell'artista

Cm 20x19,  pp. 8 Legatura con punto metallico (stapled binding)  Ottimo (Fine)

Enrico Prampolini, esponente di primo piano del Futurismo italiano, ebbe stretti contatti con i rappresentanti delle avanguardie artistiche europee (Dadaismo, Bauhaus, De Stjl)  e con i principali artisti della sua epoca (Picasso, Mondrian, Kandinskij, Cocteau). Fu anche attivo come scenografo, costumista e architetto. Nel 1945, insieme a Josef Jarema e Virgilio Guzzi, fondò a Roma l'Art Club, Associazione Artistica Internazionale Indipendente, che resterà attiva, anche dopo la morte dell'Artista, fino al 1964, organizzando un centinaio di mostre, dalla prima a Roma nel 1945 "Continuità"  all'ultima di Menton del 1964, "Peintres et Sculpteurs de Rome". Particolare è anche la sua posizione all'interno del panorama europeo dell'arte astratta, che si caratterizza per il suo interesse per il dinamismo e l'organicismo, che si manifesta negli anni trenta e quaranta in visioni cosmiche e oniriche.

25