Rif: 220111

MAURI, Fabio (Roma, 1926 - Roma, 2009)Lezione di inglese

Roma,  Teatro di Roma 1977

Programma a cura del Teatro di Roma. Testo di Fabio Mauri ("Ritratto di commedia, come scritta da un artista più giovane"). Scritti di Robert Kleyn ("Note su Lezione di inglese"), Alberto Boatto e Annamaria e Achille Bonito Oliva ("L'insegnamento della lingua"). Fotografie di scena in b/n di Marcello Norberth

Grafica di Lamberto Lambertini

8vo (cm 23,5x17),  pp. 32 Legatura con punto metallico (stapled binding)  Molto buono (Very Good)

"In quell'anno l'artista presenta, in un circo appositamente allestito sulla Via del Mare per il Teatro di Roma, Lezione d'Inglese, una commedia concettuale sul linguaggio e il male. Suo aiuto è l'artista canadese Robert Kleyn. L'intera scenografia è proiettata su uno schermo di fronteal palcoscenico dove recitano gli attori. Il film delle scene fu girato in tre giorni, in una villa in Toscana, il Palagio, presso San Giovanni Val d'Arno, luogo che aveva ispirato Mauri nella scrittura del testo." (da "Fabio Mauri, opere e azioni 1954-1994", editoriale Giorgio Mondadori, 1994).

Attraverso l'incontro di due personaggi Miss Anne e Mister Johnson per l'affitto di una grande casa di campagna, i due personaggi traversano la campagna inglese e si introducono in un castello solitario. Mano a mano che le lezioni proseguono, la grammatica cresce. Si complica la storia dei protagonisti, ognuno doppiato da quattro controfigure. Il tema è la ricerca del Male, un male che non sia solo Hitler. L'esito è terrificante. Il castello, simbolizzato in scena con una serie di piani rialzati, ha sul fronte opposto un grande schermo in cui i luoghi veri vengono man mano proiettati.

250

Rubriche

Notizie dal mondo dell'arte, della fotografia, della letteratura, dell'architettura e del design, dei libri illustrati, d'artista, di pregio, rari e di svago...

Archivio Articoli