Rif: 220558

CASTORE, Lorenzo (Firenze, 1973)1994-2001. A Beginning

Bologna,  L'Artiere,  2019 - Prima edizione di 1000 esemplari (I edition of 1000 copies)

Fotografie in bianco e nero di Lorenzo Castore. Citaziona da Pavel Florenskij

Design di Eloi Gimeno. Editing: Lorenzo Castore e Eloi Gimeno

8vo (cm 28x20),  pp. 88 Perfetto (Mint)

"“The opening picture is a self-portrait from 1994, it is the first one I ever took. There is a road lined by rows of baby pine trees, newly planted after a big fire.  I wanted to confuse the image of myself with that of the trees. I prepared the framing and entered it. We were somewhere around Butte, Montana, USA where I spent a summer working as carpenter's assistant. I had no consciousness of myself – but a strong desire to have some – and no knowledge of the use of the photographic medium.

For many years I have photographed compulsively almost without looking at the result of my shots. I deeply felt that I wasn't ready to understand what I was doing. I knew what I was trying to do, but it wasn't clear on how to shape it, I wasn't ready to communicate my most intimate work. I was restless (and still am), moving here and there, photographing everything to find my place and my space: this omnivorous longing didn't and doesn't allow me to stop." (Lorenzo Castore).

"L'immagine di apertura è un autoritratto del 1994, è il primo che abbia mai scattato. C'è una strada fiancheggiata da filari di piccoli pini, appena piantati dopo un grande incendio. Volevo confondere l'immagine di me stesso con quella degli alberi. Ho preparato l'inquadratura e mi sono inserito. Eravamo da qualche parte nei dintorni di Butte, nel Montana, negli Stati Uniti, dove ho trascorso un'estate lavorando come assistente carpentiere. Non avevo coscienza di me stesso - ma un forte desiderio di averne un po '- e nessuna conoscenza dell'uso del mezzo fotografico.

Per molti anni ho fotografato compulsivamente quasi senza guardare il risultato dei miei scatti. Sentivo profondamente di non essere pronto a capire cosa stavo facendo. Sapevo cosa stavo cercando di fare, ma non era chiaro su come modellarlo, non ero pronto a comunicare il mio lavoro più intimo. Ero irrequieto (e lo sono ancora), spostandomi qua e là, fotografando tutto per trovare il mio posto e il mio spazio: questo desiderio onnivoro non mi ha permesso e non mi permette di fermarmi." (Lorenzo Castore)

Clicca qui 
per il nostro approfondimento sul lavoro di Lorenzo Castore.


Disponibile nel nostro catalogo il menabò originale del libro "1994-2001. A Beginning": Clicca qui 

38

News

Notizie dal mondo dell'arte, della fotografia, della letteratura, dell'architettura e del design, dei libri illustrati, d'artista, di pregio, rari e di svago...

Archivio Articoli