Rif: 221696

MERMELSTEIN, Jeff (New Brunswick, 1957)Arena

Oakland,  TBW Books,  2019 - Prima edizione (First Edition)

Afterword by Robert Slifkin. 71 photographs by Jeff Mermelstein / Postfazione di Robert Slifkin. 71 fotografie di Jeff Mermelstein

Firma autografa dell'Autore (Signed by the Author)

4to (cm 30x34,5),  pp. 140 Ottimo (Fine)

Arena è stato scattato durante un incarico di quattro anni iniziato nel 2012, nel giorno in cui il Barclays Center di Brooklyn aprì le sue porte al pubblico. Incaricato della straordinaria commissione di fotografare oltre 350 eventi nei primi anni del Barclays, Arena segna un periodo particolarmente prolifico nella carriera di Jeff Mermelstein.

Sebbene noto per le fotografie create sullo sfondo delle strade di New York, qui Mermelstein si muove in un interno, attraverso gli ingressi e i corridoi serpeggianti che incanalano lo spettatore e il personale verso il sacro palcoscenico al centro.

Si muove attraverso la folla che si trascina, rallentando, abbassandosi, spostando lo sguardo verso il pedone e scartando per illuminare un nuovo percorso: una visione che si allontana dall'attrazione principale, di nuovo verso il non comune. Mermelstein si crogiola nell'inquietante, nel trascurato e nel banale.

Non vediamo mai una partita di basket, un concerto o una partita di boxe, mentre i nostri occhi si fissano su avvistamenti spontanei più rivelatori e intriganti.

Arena was shot during a four year tenure that began in 2012 on the day Barclays Center in Brooklyn first opened its doors to the public. Charged with the extraordinary commission to photograph over 350 events held in Barclays' first years, Arena marks a particularly prolific period of Jeff Mermelstein's career. 

Though known for works created against the backdrop of the streets of NYC, Mermelstein here moves inward through the lobbies, hallways, and snaking corridors that funnel spectator and staff alike toward the center's hallowed stage.

He maneuvers through the shuffling crowds, slowing down, crouching low, casting his gaze toward the pedestrian and discarded to illuminate a new path: a vision leading away from the main attraction, back towards the uncommon-common. Mermelstein revels in the vibrant-uncanny embedded in the overlooked and mundane. 

We never see a basketball game, a concert, or boxing match, instead our eyes fix upon more revealing and intriguing spontaneous sightings.

80

News

Notizie dal mondo dell'arte, della fotografia, della letteratura, dell'architettura e del design, dei libri illustrati, d'artista, di pregio, rari e di svago...

Archivio Articoli