Rif: 219099

DAVIDSON, Bruce (Oak Park, 1933)Subway

New York,  Aperture,  2011 - Terza edizione (3rd Edition)

Introduzione di Fred Braithwaite. Testi di Bruce Davidson e Henry Geldzahler. 118 fotografie a colori di Bruce Davidson 

Dedica e firma autografe dell'Artista, datata 2012 (Inscription signed by the Artist, dated 2012)

4to (cm 30 x 30,5),  pp. 144 Rilegato, sovracoperta (hard cover, dust jacket) Ottimo (Fine)

Bruce Davidson's groundbreaking Subway, first published by Aperture in 1986, has garnered critical acclaim both as a documentation of a unique moment in the cultural fabric of New York City and for its phenomenal use of extremes of color and shadow set against flash-lit skin. In Davidson's own words, the people in the subway, their flesh juxtaposed against the graffiti, the penetrating effect of the strobe light itself, and even the hollow darkness of the tunnels, inspired an aesthetic that goes unnoticed by passengers who are trapped underground, hiding behind masks and closed off from each other. In this third edition of what is now a classic of photographic literature, a sequence of 118 (including 25 previously unpublished) images transport the viewer through a landscape at times menacing, and at other times lyrical and soulful. The images present the full gamut of New Yorkers, from weary straphangers and languorous ladies in summer dresses to stalking predators and homeless persons. Davidson's accompanying text tells the story behind the images, clarifying his method and dramatizing his obsession with the subway, its rhythms and its particular madness.

Il rivoluzionario Subway di Bruce Davidson, pubblicato per la prima volta da Aperture nel 1986, ha ottenuto il plauso della critica sia come documento unico di un momento nel tessuto culturale di New York City, sia per il suo uso fenomenale di colori e ombre dato dal flash. Nelle stesse parole di Davidson, le persone nella metropolitana, i loro corpi giustapposti ai graffiti, l'effetto penetrante della luce stroboscopica e persino l'oscurità dei tunnel, hanno ispirato un'estetica impensabile per i passeggeri intrappolati nel sottosuolo, nascosti dietro maschere e lontani  l'uno dall'altro. In questa terza edizione di quello che oggi è un classico della letteratura fotografica, una sequenza di 118 immagini (tra cui 25 inedite) trasporta lo spettatore attraverso un paesaggio a volte minaccioso, altre volte lirico e pieno di sentimento. Le immagini presentano l'intera gamma dei newyorkesi, dalle languide donne in abiti estivi ai  senzatetto. Il testo di accompagnamento di Davidson racconta la storia dietro le immagini, chiarendo il suo metodo e drammatizzando la sua ossessione per la metropolitana, compresi i suoi ritmi e la sua particolare follia.

200

News

Notizie dal mondo dell'arte, della fotografia, della letteratura, dell'architettura e del design, dei libri illustrati, d'artista, di pregio, rari e di svago...

Archivio Articoli