Rif: 220734

SIDIBE', Malick (Soloba, 1936 - Bamako, 2016)Chemises

Gottingen,  Steidl - Gwinzegal,  2007 - Prima edizione (First Edition)

Volume pubblicato in occasioen della mostra "Chemises" organizzata dall'Associazione Gwinzegal presso Foam Fotografiemuseum di Amsterdam - Musée Nicéphore Niépce di Chalon-sur-Saone. Fotografie di Malick Sidibè. Testi in inglese e francese di Jerome Sother

4to (cm 32x25),  pp. 166 n.n. Brossura (wrappers) Ottimo (Fine)

Soon after Sidibé set up his own studio in 1962 he was highly sought after to photograph all the happening events and ceremonies in Mali, including football matches, weddings, Christmas Eve celebrations and the surprise parties thrown by groups of youths belonging to “clubs.” The clubs were named after their idols and the styles of western music (Los Cubanos, Les Caïds, Las Vegas, etc.) which had just started being sold in Bamako. Malian independence brought not only a whiff of liberty and insouciance, “communist friendship with brother countries,” but also dreams of western society. Sidibé sometimes photographed five reports in one night before returning to the lab to develop the negatives. He would then display on the studio walls carefully numbered index prints which were glued on administrative folders. These are the “chemises” reproduced in this book. In the following days, the party people came to look at the folders and select the photos that they wanted to buy. The folders reproduced in this book constitute a significant catalogue of Sidibé's work. Progressively, in the mid-seventies, youths met less frequently at clubs and went more often to night clubs which were not Malick's haunts. He therefore shifted his activity to studio portraits and camera repairs.

Poco dopo che Sidibé fondò il suo studio nel 1962, cominciò a essere molto ricercato per fotografare tutti gli eventi e le cerimonie in corso in Mali, tra cui partite di calcio, matrimoni, vigilie di Natale e feste a sorpresa organizzate da gruppi di giovani appartenenti ai "club". I club prendevano il nome dai loro idoli e dagli stili di musica occidentale (Los Cubanos, Les Caïds, Las Vegas, ecc.) che avevano appena iniziato a circolare a Bamako. L'indipendenza del Mali induceva a sognare le società occidentali. Sidibé a volte fotografava cinque situazioni in una notte prima di tornare in laboratorio per sviluppare i negativi. Avrebbe quindi esposto sulle pareti dello studio stampe numerate con cura, incollate su cartelle amministrative. Queste erano le "chemise" riprodotte in questo libro. Nei giorni seguenti, le persone ritratte durante quelle serate andavano a guardare le cartelle e a selezionare le foto che volevano acquistare. Le cartelle riprodotte in questo libro costituiscono un catalogo significativo dell'opera di Sidibé. Progressivamente, verso la metà degli anni Settanta, i giovani si incontravano meno frequentemente nei locali e andavano più spesso nei locali notturni che non erano però i ritrovi di Malick. Spostò quindi la sua attività verso i ritratti in studio e le riparazioni di fotocamere.

350

News

Notizie dal mondo dell'arte, della fotografia, della letteratura, dell'architettura e del design, dei libri illustrati, d'artista, di pregio, rari e di svago...

Archivio Articoli