Rif: 225388

TILLMANS, Wolfgang (Remscheid, 1968)Wolfgang Tillmans. Freedom from the Known

Gottingen,  Steidl 2006 - Prima edizione (First Edition)

Volume stampato in occasione della mostra di Wolfgang Tillmans al P.S.1 Contemporary Art Center di New York nella primavera del 2006. Introduzione di Alanna Heiss. Un testo di Bob Nickas. Fotografie a colori e in in bianco e nero di Wolfgang Tillmans. Elenco delle opere. Allegato grande tavola sciolta di cm 47x63

8vo (23,11x27,94 cm),  pp. 80 Rilegato tela (cloth)  Ottimo (Fine)

Freedom From The Known is the first book to focus entirely on Wolfgang Tillmans's abstract photographs, exploring the presence abstraction has had within his figurative and representational work. It is published on the occasion of the artist's first major solo exhibition for an American museum--curated by Bob Nickas, who contributes an essay here--which opened at P.S.1 in Long Island City, New York, in the spring of 2006. Of the 25 pieces here, 24 were produced specifically for this project and had never been seen before the exhibition. Most of are "cameraless" pictures, made by the direct manipulation of light on paper, rather than on a negative. They were accompanied by a group of figurative photographs from the 1990s series Empire, which made the shift from figure to abstraction by being passed through a photocopy or fax machine, then scanned to the highest possible resolution, turned into large-scale C-prints and framed. A selection of earlier photographs provides a context for Tillmans's passage from figurative and representational imagery to abstraction. Taken together, these more conceptual works reveal the self-reflective impulse underpinning choices of media and topic throughout his work.

Freedom From The Known è il primo libro a concentrarsi interamente sulle fotografie astratte di Wolfgang Tillmans, esplorando la presenza che l'astrazione ha avuto nel suo lavoro figurativo e rappresentativo. Viene pubblicato in occasione della prima grande mostra personale dell'artista per un museo americano - curata da Bob Nickas, che qui contribuisce con un saggio - che è stata inaugurata al PS1 di Long Island City, New York, nella primavera del 2006. Dei 25 pezzi qui presenti, 24 sono stati prodotti appositamente per questo progetto e non erano mai esposti prima. La maggior parte sono immagini "senza telecamera", realizzate manipolando direttamente la luce su carta invece che su negativo. Gli scatti erano accompagnati da un gruppo di fotografie figurative della serie Empire degli anni '90, che passavano dalla figura all'astrazione con una fotocopia o un fax, quindi scansionate alla massima risoluzione possibile, poi trasformate in C  prints di grandi dimensioni e incorniciate. Una selezione di fotografie precedenti fornisce il contesto per il passaggio di Tillmans dall'immaginario figurativo e rappresentativo all'astrazione. Presi insieme, questi lavori più concettuali rivelano l'impulso autoriflessivo alla base delle scelte di tutto il suo lavoro.

100

News

Notizie dal mondo dell'arte, della fotografia, della letteratura, dell'architettura e del design, dei libri illustrati, d'artista, di pregio, rari e di svago...

Archivio Articoli