Rif: 225639

Signer, SIGNER, Roman (Appenzell, 1938)Roman Signer. Travel Photos

Gottingen,  Steidl,  2006 - Prima edizione (First Edition)

A cura di Beat Wismer e Peter Zimmermann. Un testo di Beat Wismer. Fotografie a colori. Biografia e Bibliografia

16mo (cm 16,5x23),  pp. 222 Perfetto (Mint)

Since the beginning of the 1970s, the renowned Swiss artist, Roman Signer, has created art which does not allow itself to be described in conventional terms. He has objectified works and actions and his reputation is based on a special interpretation of the concept of “sculpture”. He does not see sculptures as static objects, but rather malleable events affected by the elements and physical powers. In exhibitions Signer presents objects and installations like experimental set-ups or films, and photographs as documents of actions, which he has arranged in different locations and against the backdrop of changing scenery. What has neither been exhibited nor published is his collection of “Reisefotos,” which Signer took over a 20-year period whenever he came upon a particularly interesting situation on his travels. It could be another's arrangement of objects, involuntary participation in some event, or a snapshot, all of which correlate with his own work in some way. The situation always takes on some illustrative or narrative element and sometimes a touch of humorous irony. This publication contains an extensive selection of photographs and presents a previously unknown yet characteristic side of Signer's work.

Dall'inizio degli anni '70, il rinomato artista svizzero Roman Signer ha creato un'arte che non si lascia descrivere in termini convenzionali. Ha oggettivato opere e azioni e la sua reputazione si basa su una particolare interpretazione del concetto di "scultura". Non vede le sculture come oggetti statici, ma piuttosto come eventi malleabili influenzati dagli elementi e dalle forze fisiche. Nelle mostre Signer presenta oggetti e installazioni come istallazioni sperimentali, film e fotografie come testimonianze di azioni, disponendoli in luoghi diversi e sullo sfondo di scenari mutevoli. Ciò che non è stato esposto né pubblicato è la sua collezione di "Reisefotos", che Signer ha scattato durante un periodo di 20 anni ogni volta che si è imbattuto in una situazione particolarmente interessante durante i suoi viaggi. Questa pubblicazione contiene un'ampia selezione di fotografie e presenta un lato finora sconosciuto ma caratteristico del lavoro di Signer.

30

News

Notizie dal mondo dell'arte, della fotografia, della letteratura, dell'architettura e del design, dei libri illustrati, d'artista, di pregio, rari e di svago...

Archivio Articoli