Rif: 219674

ANRAKUJI, Emi (Tokyo, 1963)IPY

,  Nazraeli Press,  2008 - Prima edizione di 500 esemplari (I edition of 500 copies)

Fotografie in bianco e nero di Emi Anrakuji

8vo (cm 25,5x35,5),  pp. 80 Rilegato (hardback) Molto buono (Very Good)

In IPY, Anrakuji represents herself as an alchemist of images and a catalyst for daydreams and desires. The vignettes of her self-portraits blur the boundaries between documentary and staged photography. Emi Anrakuji originally studied oil painting at Musashino University of Art and Music in Tokyo. By her mid-20s, she was diagnosed with a cerebral disease that severely curtailed her activities for more than a decade. During her gradual recovery, she took up photography. Initially, Anrakuji's audience was only herself and the jurors of public competitions to which she sent her entries. Since 2001, her efforts have earned her several important awards as well as increasing support from the art community. A prolific producer of images, Anrakuji often arranges her work as handmade books, one of which serves as the catalyst for IPY.  

In IPY, Anrakuji si rappresenta come un'alchimista di immagini e una catalizzatrice di sogni ad occhi aperti e desideri. I suoi autoritratti eliminano i confini tra documentario e fotografia di scena. Emi Anrakuji ha studiato pittura ad olio alla Musashino University of Art and Music di Tokyo. Intorno ai 20 anni le fu diagnosticata una malattia cerebrale che limitò gravemente le sue attività per oltre un decennio. Durante la sua graduale guarigione, ha iniziato a fotografare. Inizialmente, il pubblico di Anrakuji era unicamente lei stessa e i giurati dei concorsi pubblici a cui aveva inviato le sue opere. Dal 2001, i suoi sforzi le sono valsi numerosi riconoscimenti importanti e un supporto crescente da parte della comunità artistica. Prolifica produttrice di immagini, Anrakuji organizza spesso il suo lavoro in libri autoprodotti.

80

News

Notizie dal mondo dell'arte, della fotografia, della letteratura, dell'architettura e del design, dei libri illustrati, d'artista, di pregio, rari e di svago...

Archivio Articoli