Rif: 226242

SUTER, Batia (Bülach, 1967)Surface Series

Amsterdam - Lisbona,  Roma Publications - Culturgest,  2011 - Prima edizione di 1000 esemplari numerati e firmati dall'Autrice (First edition of 1000 copies numbered and signed by the Author)

Fotografie e frammenti di immagini raccolti tra il 2008 e il 2011 da altri volumi da Batia Suter. Un testo di Dieter Roelstraete. All'interno un foglio sciolto e ripiegato che riproduce l'allestimento dell'istallazione dell'Artista al Culturgest Porto, 31 ottobre 2009 - 16 gennaio 2010

Firma e data autografe dell'Artista "Amsterdam 2013" (Signed and dated by the Artist, "Amsterdam 2013")

4to (30x28 cm),  pp. 238 Ottimo (Fine)

Dutch artist Batia Suter's found photographic practice spans the topographical, historical and genuinely enigmatic. Created between 2008 and 2010 -- and originally conceived for a site-specific installation at Culturgest Porto -- Surface Series draws upon enlarged photographic images and fragments from other books to forge a textural and poetic study of surface, image and place.

Creata tra il 2008 e il 2010 - e originariamente concepita per un'installazione site-specific a Culturgest Porto - Surface Series attinge a immagini fotografiche ingrandite e frammenti di altri libri per forgiare uno studio materico e poetico della superficie, dell'immagine e del luogo.

Nata in Svizzera nel 1967 Batia Suter ha studiato all'Accademia di Belle Arti di Zurigo e Arnehm (NL).
Suter realizza enormi scatti fotografici risultato della manipolazione digitale dell'immagine per installazioni site specific. Il suo lavoro si concentra particolarmente sulla sequenza delle immagini e sul collage utilizzando spesso fotografie “ritrovate”.

Nel 2007 ha pubblicato il voluminoso testo Parallel Encyclopedia (Roma Publication), contenente una composizione di immagini prese da libri da lei collezionati nel corso degli anni. Il suo secondo libro Surface Series (Roma Publication), pubblicato nel 2011, consiste nel montaggio evocativo di immagini estrapolate da altri libri che esplorano le diverse risonanze date da paesaggi geologici e dalle loro superfici.

I temi del lavoro di Batia Suter sono le immagini e le circostanze attraverso le quali queste assumono un nuovo significato nel montaggio. Il suo lavoro colloca vecchie immagini all'interno di nuovi contesti in modo intuitivo al fine di suscitare reazioni di sorpresa e mostrare inaspettate possibilità. Attraverso questo metodo unito ad una attenta sensibilità volta a celare armonie ed artifici espressivi, Suter riesce così a dar vita a spazi onirici nei quali le immagini possono esprimersi attraverso una loro propria logica, in un intenso campo di metamorfosi immaginative.

350

News

Notizie dal mondo dell'arte, della fotografia, della letteratura, dell'architettura e del design, dei libri illustrati, d'artista, di pregio, rari e di svago...

Archivio Articoli