Rif: 223948

PLUMB, Mimi (San Francisco, 1954)The White Sky

Londra,  Stanley/Barker,  2020 - Prima edizione (First Edition)

California 1972-1978. Fotografie in bianco e nero di Mimi Plumb

Design: The Entente

4to,  pp. 136 Rilegato tela (cloth) Nuovo (New)

“At 13 we wore faded jeans, torn at the knees, tight white t-shirts, long straight hair parted down the middle. We wandered through the suburban landscape hiding in corners, smoking cigarettes, looking for stuff to do."

“Throughout my childhood years, growing up beneath the shadow of Mt. Diablo in the California suburb of Walnut Creek, I watched the rolling hills and valleys mushroom with tract homes and strip malls, and to me and my teenage friends, they were the blandest, saddest homes in the world. The starkness of the landscape hurt my eyes. The low brown hills coated with dry grass, scratching my ankles, fox tails caught in my socks. I was always looking for a place to hide from the bright, white sky. The raw dirt yards and treeless streets, model homes expanding exponentially, with imperceptible variation.” - Mimi Plumb

In her early twenties, the American Photographer Mimi Plumb looked back to her Californian childhood to make a series of photographs about suburban youth. The resulting photographs collected in her new book “The White Sky' builds a world in which an unknown trauma hangs heavy in the air, and children rule the roost."

"A 13 anni indossavamo jeans scoloriti, strappati alle ginocchia, magliette bianche aderenti, capelli lunghi e lisci con la riga in mezzo. Vagavamo per il paesaggio suburbano fumando sigarette e cercando cose da fare".

“Durante la mia infanzia, crescendo all'ombra del Monte Diablo, nel sobborgo californiano di Walnut Creek, guardavo le dolci colline e le valli con case e centri commerciali, e per me e per i miei amici adolescenti erano le case più insipide e tristi del mondo. L'asprezza del paesaggio mi feriva gli occhi. Le basse colline marroni ricoperte di erba secca mi graffiavano le caviglie e i forasacchi si impigliavano ai calzini. Ho sempre cercato un posto dove nascondermi dal cielo bianco e luminoso. Cortili in terra battuta, strade senza alberi e blocchi di case in espansione con variazioni impercettibili". - Mimi Plumb

Poco più che ventenne, la fotografa americana Mimi Plumb ha guardato indietro alla sua infanzia californiana per realizzare una serie di fotografie sulla gioventù suburbana. Le fotografie risultanti raccolte nel suo nuovo libro "The White Sky 'costruiscono un mondo in cui un trauma sconosciuto è sospeso nell'aria, e i bambini erano i capifamiglia.

350

News

Notizie dal mondo dell'arte, della fotografia, della letteratura, dell'architettura e del design, dei libri illustrati, d'artista, di pregio, rari e di svago...

Archivio Articoli