Rif: 221452

SHORE, Stephen (New York, 1947)Transparencies. Small Camera Works 1971-1979

London,  Mack,  2020 - Prima edizione (First Edition)

Fotografie a colori di Stephen Shore. Testo di Britt Salvesen ("Ordinary Speech: The Vernacular in Early 35mm Photography di Stephen Shore")

4to (30 x 31 cm),  pp. 192 Rilegato tela con tavola fotografica applicata al piatto anteriore (original full cloth with photographic inlay to front cover) Perfetto (Mint)

"Transparencies: Small Camera Works 1971-1979 offre un resoconto alternativo di uno degli episodi più leggendari della storia della fotografia: i viaggi per il Paese che produssero la nuova visione luminosa del paesaggio americano, Uncommon Places, di Stephen Shore. Insieme ad una macchina di grande formato nei suoi viaggi Shore portava con sé anche una Leica da 35 mm. Le immagini realizzate con quest'ultima, su pellicole per diapositive a colori, sono intime, spontanee e personali, pur conservando la sua tipica sensibilità formale. Da queste inedite immagini emerge una visione, come un brano musicale suonato in una chiave nuova.
Il vocabolario è familiare: autostrade e case, cabine telefoniche, fast food e parcheggi soleggiati. Ma il formato alternativo rivisita inequivocabilmente questi soggetti attraverso una serie di esperimenti distinti di composizione, attitudine e colore. Le "transparencies" di Shore rivelano sia un'indagine orientata ai dettagli del paesaggio americano degli anni '70, sia un esercizio rigoroso nella classica forma di un indiscusso maestro moderno".

 

"Transparencies: Small Camera Works 1971-1979 offers an alternative account of one of the most fabled episodes in photographic history: the cross-country journeys that produced Stephen Shore's luminous new vision of the American landscape, Uncommon Places. Along with his large-format camera, Shore also brought a 35mm Leica on his travels. The images made with it, on luminous colour slide film, are intimate, spontaneous and personal, while retaining Shore's studied formal sensitivity. In these entirely unseen photographs, a parallel iteration of an iconic vision emerges like a piece of music played in a new key.

The vocabulary is familiar: highways and homes, phone boxes, fast food and sun-strewn parking lots. But the alternative format unmistakably re-envisions these subjects through distinct experiments with composition, attitude, and colour. Transparencies uncovers both a detail-oriented survey of the American landscape of the 1970s and a rigorous, imaginative exercise in form by an undisputed modern master".

65

News

Notizie dal mondo dell'arte, della fotografia, della letteratura, dell'architettura e del design, dei libri illustrati, d'artista, di pregio, rari e di svago...

Archivio Articoli