Rif: 123062

LEE, Jungjin (Taegu, 1961)Unnamed Road

London,  Mack 2014 - Prima edizione (First Edition)

45 fotografie in bianco e nero e un testo di Jungjin Lee. Il libro è parte del progetto intitolato "This Place" dedicato ad Israele e alla Cisgiordania, cui hanno preso parte 12 fotografi di fama internazionale / 45 tritone plates and a text by Jungjin Lee

8vo (cm 22,5x20),  pp. 106 Rilegato a soffietto (leporello format)  Perfetto (Mint)

Per Jungjin Lee fotografare il paesaggio è un'esplorazione della sua stessa mente. Nel suo ultimo progetto Unnamed Road si avvicina ai territori contesi di Israele e Cisgiordania guardando al paesaggio. Le sue immagini in bianco e nero restituiscono mondi autonomi fatti di quiete e meraviglia. Le sue immagini suggeriscono che, nonostante l'apparente fluttuazione, alcune verità fondamentali non vengono mai alterate: proprio come la superficie del mare è sempre in movimento, mentre la sua profondità rimane invariata ed uguale.

"Making pictures in Israel and Palestine was above all an emotional change. My photographs usually deal with something eternal in the landscape, but in this place teh layers of history and conflict, fear and hostility, frustrated my camera. I happened to travel a lot in the West Bank, not for any political purpose, but because I liked the landscape between the cities. I tried to gaze at the land, without prejudice or judgment [...] On my final trip, I was able to see, not only the land, but my own mind, with its uneven terrain and movements, and to touch something elemental." (dal testo di Jungjin Lee).

350

News

Notizie dal mondo dell'arte, della fotografia, della letteratura, dell'architettura e del design, dei libri illustrati, d'artista, di pregio, rari e di svago...

Archivio Articoli